Ristorazione collettiva, le attività di Serenissima Ristorazione nel Mezzogiorno

Leader per pasti prodotti e aziende servite, Serenissima Ristorazione ha confermato nel Sud Italia la propria capacità di portare innovazione e qualità nel settore della ristorazione collettiva.

Serenissima Ristorazione al Sud: dall’arrivo nel 2016 a oggi

Serenissima Ristorazione è un punto di riferimento in Italia per l’alimentazione sicura e completa. Nata in Veneto, dopo l’affermazione nel Nord ha esteso le proprie attività commerciali anche nel Mezzogiorno, dove è arrivata nel 2016. Sin da allora è riuscita a introdurre elevati standard qualitativi e innovazione nel settore della ristorazione collettiva, con risultati significativi sia in ambito socio-sanitario che scolastico. Attualmente è presente in Basilicata, Campania, Puglia e Sicilia, regioni in cui garantisce 8 milioni di pasti all’anno. Tradotto nel quotidiano, è capace di fornire 22.000 pietanze al giorno suddivise tra colazione, pranzo e cena. Il punto di partenza per Serenissima Ristorazione fu l’inaugurazione della filiale Sud ad Avellino e, nello stesso periodo, l’aggiudicazione di importanti gare nella ristorazione socio-sanitaria in Campania e in quella sanitaria in Sicilia. Un’espansione frutto del Piano Industriale stilato nel 2014 con il supporto di Maurizio Palumbo, Direttore di Filiale Area Sud Italia, e finalizzato a rispondere con efficacia alle esigenze espresse dal territorio.

Serenissima Ristorazione, i principi alla base della crescita

Serenissima Ristorazione è in prima linea in Basilicata e Campania anche nella ristorazione scolastica, a cui si aggiungono le attività nella ristorazione aziendale e commerciale in Puglia e Sicilia. Non solo: presso l’Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli di Napoli, il più grande ospedale del Sud Italia, ha avviato un centro di produzione pasti con alti standard tecnologici e di sicurezza alimentare e ambientale. Al Cardarelli è stato introdotto l’innovativo metodo Cook&Chill che assicura elevata qualità nutrizionale e organolettica, salubrità del prodotto, oltre che riduzione del rischio di contaminazione da microbi e minimizzazione degli sprechi. Tra i valori alla base della crescita vi sono quelli della sostenibilità e della valorizzazione territoriale: ne consegue una scelta di fornitori italiani a chilometro zero e bio, la selezione di materie prime di altissima qualità e iniziative di riduzione dell’impatto ambientale, come l’utilizzo di materiale compostabile al posto della plastica tradizionale. Azioni che sono valse l’inserimento di Serenissima Ristorazione tra le 300 “Green Stars” della sostenibilità nella categoria “Servizi di Ristorazione” in Italia. Supportato già da 1.500 dipendenti al Sud, il Gruppo è intenzionato a proseguire nella crescita con ulteriori investimenti specifici, che faranno seguito ai 15 milioni di euro già investiti nel Mezzogiorno.