ICS Maugeri S.p.A.: ampliata l’offerta del centro di Via Clefi per le cure riabilitative

ICS Maugeri S.p.A. amplia i servizi del poliambulatorio di Via Clefi: una palestra all’avanguardia aiuterà i pazienti nelle terapie riabilitative.

ICS Maugeri S.p.A.

ICS Maugeri S.p.A.: il centro di Via Clefi

Il poliambulatorio controllato da ICS Maugeri S.p.A. è una realtà radicata da almeno 20 anni nella zona di Via Clefi a Milano. Il centro offre prestazioni di alta specializzazione, incluse la diagnosi e la valutazione per le patologie acute e post-acute che richiedono percorsi diagnostici e terapeutici di carattere multidisciplinare. La specializzazione in senologia rientra tra quelle attività mediche del centro che attirano ogni giorno un importante afflusso di pazienti, spinte dalla possibilità di poter contare su un’equipe costituita da “diagnostica, oncologo di supporto, plastico, nutrizionista e psicologo”. Attraverso l’iniziativa di inserire una nuova e avveniristica palestra, ICS Maugeri S.p.A. adesso amplia i servizi del centro, affiancando alle prestazioni già offerte un intero comparto in grado di aiutare i pazienti mediante terapie riabilitative ad hoc, in campo ortopedico e non solo.

Luca Damiani (Presidente di ICS Maugeri S.p.A.): la palestra sarà un valore aggiunto per il centro

Luca Damiani, Presidente di ICS Maugeri S.p.A., ha spiegato cosa rappresenterà la palestra per il poliambulatorio. “È un valore aggiunto in più – ha sottolineato – non solo per la riabilitazione della donna ma per tutti coloro che hanno bisogno di una riabilitazione complessa, che è la nostra specificità“. Spesso, fa notare il Presidente, “quando si parla di riabilitazione si parla sempre, forse un po’ più superficialmente, di quella motoria”. Nel caso della nuova palestra di Via Clefi, la riabilitazione riguarderà in particolar modo quella pneumologica, cardiologica, urologica, ovvero “aree che richiedono un’attenzione diversa” e su cui gli Istituti Maugeri hanno costruito la loro nicchia di mercato. A potervi accedere, inoltre, non saranno solo i pazienti provenienti dai centri Maugeri ma “qualsiasi altro paziente avesse bisogno di un trattamento riabilitativo per contenere tutti quelli che sono gli eventi collegati alla patologia principale”.