La grande mostra di pittoscultura sull’Etna. Giusy Mintendi a Palazzo Biscari con il Critico d’arte Melinda Miceli

Palazzo Biscari, il più importante Palazzo privato di Catania e preziosa testimonianza del barocco siciliano, ha ospitato domenica 12/12/2021, la mostra personale di Pittoscultura di Giusy Mintendi, all’interno dell’evento Spumanti dell’Etna. Una serata interamente dedicata al mondo degli spumanti che vengono prodotti ai piedi del vulcano Etna sapientemente abbinati ai piatti gourmet di 21 chef ed eccellenze di produttori locali. Le Opere d’arte create con cenere e lapilli lavici dell’Etna si sono perfettamente sposate alle figurazioni dei loghi presenti e al tema della gran soireè conclusasi con musica e danze. La collezione “Etna in blu” di Giusy Mintendi ha riscosso molto successo ed è stata presentata dal Critico d’arte Melinda Miceli che così si è espressa:

“Artista siciliana, Giusy Mintendi si forma presso l’Istituto Statale d’Arte di Catania, inizialmente come scultrice. Si approccia al figurativo, ma tesa alla ricerca di nuove tecniche, studia i colori degli smalti e i processi di fusione dell’amalgama, processo di sperimentazione che si sviluppa in varie fasi. La cenere lavica conferisce alle Sue opere l’effetto tridimensionale e riproducendo gli effetti della lava incandescente, rievoca le eruzioni dell’Etna in un caleidoscopio di colori cosmici impressi durante la distruzione. Torrenti di lava, fumo e fiamme coprono le sue figurazioni, e nel silenzio della notte, lo sguardo della luna accende nel buio, il magma rosso cangiante.

Piogge di ceneri e lapilli forgiati da smalti su acrilici fissano il tempo della terra, nella sua arcana e primigenia energia, mentre la magia di quest’arte rivela il bacio eterno della vita che si rigenera. Sprazzi di attimi struggenti ricolmi di poesia, attorno al sacro fuoco della Terra ci fanno immergere nell’ardente bagliore del Vulcano, fuoco perpetuo, simbolo della luce del diritto divino. Grandi spazi cosmici proiettano l’irruzione del fenomeno infinito nel finito, traducendosi in forme simili a scintille, colonne di fumo e di fiamme, che affondano nel firmamento fino a lambire impalliditi astri.

L’aria immota è arroventata da aspri profumi di zolfo che si sparge su queste tele iconiche mostrandoci la vera sintesi del mondo fisico. I colori astrali risentono delle reminiscenze di Gauguin mentre raccontano in uno stile figurativo onirico il Grande gigante naturalistico, l’Etna, creando un vero e proprio genere artistico inedito”.

Ha ideato il progetto artistico “Dipinti Sonori” e “Arte in Poesia” visitabili sul canale YouTube.

“Giusy Mintendi”, collabora con la prestigiosa galleria d’arte di Dubai Ava Gallery.

Due sue opere sono state scelte come copertine di libri di poesie editi Armando Siciliano.

L’artista ha tracciato intorno a sé una scia inconfondibile di successo partecipando a mostre, quali: Taormina: Palazzo Duchi di Santo Stefano – Fondazione Mazzullo

Catania: Palazzo Biscari – Biblioteca Comunale Vincenzo Bellini

Villa Manganelli – Grand Hotel Excelsior, Acitrezza: Trezzarte

Zafferanea Etnea: Sala Consiliare, in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri, Gravina di Catania: Anfiteatro Villa Comunale

Acireale: Palazzo Di Città Antisala Consiliare –Sala dei Zelanti

Aci Sant’Antonio: Palazzo Cantarella, Aci Bonaccorsi: Palazzo Cutore.