Angela Magliaro, l’arte è donare bellezza.

Professionista affermata, estremamente disponibile, dinamica e dotata di grande personalità, con un bagaglio professionale nel settore medico-scientifico di tutto rispetto: oltre 35 anni di attività, quasi tutti come direttore sanitario di un centro diagnostico specializzato, numerose presenze nei principali congressi di tutto il mondo in qualità di relatore, 31 pubblicazioni scientifiche. In sintesi questa è Angela Magliaro, medico cardiologo avellinese che da anni, seppur molto presa dal proprio lavoro, riesce con impegno ed entusiasmo a coltivare la sua passione più grande: l’arte.

Angela ama dipingere, ama trasferire nelle sue opere le proprie emozioni ed i propri sogni; nella sua arte emerge il pensiero dell’artista, le immagini sono sovente frutto di convinte sperimentazioni e di una ricerca continua nell’utilizzo di efficaci tecniche realizzative. “Il mio obiettivo è raggiungere attraverso la pittura il cuore delle persone spiega Magliaro con essa mi spingo verso i luoghi dell’anima e riesco ad esprimere le mie sensazioni. In particolare, per me il quadro ha una valenza affettiva ed emotiva, per cui reputo la pittura una tecnica comunicativa al pari della parola.

E penso che un pittore crei la propria arte in ogni riflesso di luce, cercando di donare la bellezza a chi la vuole vedere.” Nel suo percorso artistico, Magliaro ha preso parte a diverse collettive; recentemente ha partecipato, con l’opera “Tramonto sull’infinito” tecnica mista su tela, alla quarta edizione della Biennale d’Arte Contemporanea di Salerno, manifestazione di respiro internazionale con artisti provenienti da tutto il mondo. Sempre nel capoluogo campano, presso Palazzo Genovese nel centro storico, la pittrice avellinese sarà protagonista dal prossimo 4 dicembre alla mostra “Luci in Avalon” VII edizione.

In esposizione opere di venti artisti; il vernissage si terrà sabato prossimo alle ore 18,30 e vedrà, tra gli altri, gli interventi del critico Luigi Sinacori e del direttore artistico Dina Scalera. Frattanto, le gratificazioni per la pittura di Angela Magliaro sono sempre più frequenti: un anno fa la sua qualità artistica ha trovato spazio nel volume Polychromia presentato alla Fiera del libro di Francoforte e curato dal critico d’arte Dino Marasà; nel 2021 notevole apprezzamento le è stato espresso da Expo Latina de Arte Colombia, movimento culturale che raggruppa autorevoli pittori del Sudamerica.