Parlo troppo di Moriel, un manifesto per uomini sensibili ovvero come nascondere la timidezza con la loquacità

Parlo troppo, il nuovo singolo dell’artista modenese Moriel, è un brano ballabile e vivace che dietro ad un racconto autobiografico nasconde un inaspettato tentativo di liberarsi da un immaginario machista. La loquacità diventa così uno scudo contro l’imbarazzo scaturito da archetipi vetusti e da un ideale di maschio (alpha) assolutamente tossico. La strofa, guidata dal basso, ricrea l’elettricità di un flirt e porta ad uno sbottonato ritornello da discoteca. Un synth pop divertito ma deciso, determinato e mai impettito. All’improvviso la melodia cita, fra Battiato e Prezioso, Voglio vederti danzare, una manciata di note immediatamente riconoscibili che aprono l’immaginario del brano.

Hai già messo mi piace sulla nostra pagina?

Moriel balla con questa affascinante sconosciuta uno scoordinato Tuca Tuca con cui
esorcizzare l’ansia da prestazione e la paura dell’ignoto. In una società che vuole ogni uomo sempre pronto, senza dubbi o paure, incertezze o tentennamenti, Parlo Troppo è un inno ad un dialogo amoroso sincero e rispettoso, un invito a conoscersi davvero alla ricerca di una passione intellettuale e non soltanto meramente fisica.

Moriel è il progetto musicale, ma anche il percorso di crescita artistica e personale, del
modenese Riccardo Moriello. Una ricerca stilistica costante e ben definita che mescola il
lato più solare del pop radiofonico con il lato più cupo dell’elettronica europea, ad unirli il
cantautorato italiano più colto da cui mutua sensibilità e ironia.

Da sempre appassionato di cinema e cuori infranti, ha già pubblicato i primi brani Emma
Stone e Salvami, quest’ultimo selezionato dalla cantante Alice per il lato B del 45 giri del
suo singolo Dimmi di sì (progetto “Sonda Club” promosso dal Centro Musica di Modena).

Il nuovo EP in uscita questa primavera è già stato anticipato dai singoli Non ci ripensi mai (uscito il 27 novembre 2020) e Segni Opposti (uscito il 15 gennaio 2021).

Influenze: Hozier, Jack Antonoff, Subsonica
Credits: Composto da Riccardo Moriello
Produzione e arrangiamento di Luca Felici (dunerosse), Alessandro Baldessari e Riccardo Moriello.
Artwork di Gaianè Kevorkian e Andrea Centonza.


Vuoi pubblicare anche tu i tuoi comunicati su Agenziastampa.net: invia il tuo comunicato è gratuito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui