Premio Carlo Bixio, i vincitori della IX edizione

Consegnati i premi ai vincitori del Premio Carlo Bixio 2020 in occasione della serata finale del MIA, Mercato Internazionale dell’Audiovisivo.

Hai già messo mi piace sulla nostra pagina?

È RAI per questa edizione a mettere in palio il premio, diviso in due categorie: migliore soggetto e miglior concept di serie.

Novità di questa edizione è il terzo premio, il Premio “Cordusio per i Giovani”, messo in palio dalla società bancaria Cordusio che ha scelto di finanziare e promuovere l’iniziativa.

La Giuria, presieduta da Gabriella Campennì Bixio, è composta da Leonardo Ferrara per Rai, Francesca Galiani per RTI, da Ivan Cotroneo, Graziano Diana, Francesco Vicario e Monica Rametta.

Il Premio Carlo Bixio per il miglior soggetto è stato vinto da “TANEEN” di Greta Frontani ed Elisa Orrico«Per la ruvida forza narrativa di un teen drama dal ritmo rabbioso come il mondo musicale che descrive, incentrato su una protagonista “troppo scura per qualcuno, troppo italiana per gli altri”, un’anima divisa in due tra pregiudizi e ribellione, tra la difesa delle proprie radici e la voglia di bruciarle, in una storia d’amore che porta tutte le contraddizioni allo spasimo.»

Il Premio Carlo Bixio per il miglior concept di serie è stato vinto da “Il Caso Serena Mollicone” di Matteo Bianchi e Raffaele Grasso con la seguente motivazione: «Per la scrittura secca e asciutta scelta per raccontare un fatto di cronaca avvenuto vent’anni fa e a tutt’oggi irrisolto. Il misterioso delitto di una ragazza, Serena Mollicone in un paesino della Ciociaria. Per l’abilità e l’originalità con cui vengono narrati i fatti, alternando sapientemente la cronaca con toni da inchiesta civile, alla ricostruzione più squisitamente di finzione. Per il coraggio di illuminare una delle pagine ancora oscure della nostra storia.»

Ai vincitori rispettivamente diecimila e cinquemila euro a fronte di un contratto con il broadcaster.

La Società Cordusio, che quest’anno sostiene l’iniziativa, premia con duemila euro e la targa “Cordusio per i Giovani” “Non chiamateci influencer” di Susanna Ciucci, Ilaria Polimeni ed Elettra Sofia Mauri«Per l’ideazione brillante di una commedia sul contemporaneo, e la volontà di affrontare con uno sguardo sagace e politicamente scorretto un mondo che è sotto gli occhi di tutti e di tutti condiziona i comportamenti, ma non è ancora stato al centro di una narrazione televisiva: quello appunto degli influencer e del loro mercato, talvolta apparentemente surreale eppure realissimo.»

Anche per questa edizione, il Premio Carlo Bixio è onorato di ricevere la Medaglia della Presidente della Repubblica.


Vuoi pubblicare anche tu i tuoi comunicati su Agenziastampa.net: invia il tuo comunicato è gratuito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui