La Repubblica Popolare della Cina e i Paesi in via di sviluppo. Di Giancarlo Elia Valori

La RP della Cina attribuisce grande importanza alla sostenibilità del debito dei progetti. Nel 2017 ha firmato i Principi guida sul finanziamento dello sviluppo con 26 Paesi che partecipano alla BRI. Nel 2019, la RP della Cina ha rilasciato il quadro di sostenibilità del debito per i Paesi partecipanti alla BRI. Sulla base della situazione debitoria e della capacità di rimborso dei Paesi debitori, e seguendo i principi di consultazione paritaria, rispetto di leggi e regolamenti, apertura e trasparenza, il quadro mira a rafforzare il monitoraggio e la valutazione dei benefici economici, sociali e di sussistenza dei progetti, e canalizza prestiti sovrani in aree ad alto rendimento, nellʼottica di garantire i rendimenti a lungo termine dei progetti.

La RP della Cina ha anche compiuto sforzi proattivi per ridurre lʼonere dei Paesi debitori. Il presidente dellʼUganda Yoweri Museveni ha dichiarato in unʼintervista sul sito asia.nikkei.com il 17 marzo 2022 che «lʼAfrica ha avuto problemi (di debito) negli ultimi 600 anni a causa della tratta degli schiavi, del colonialismo, del neocolonialismo – e nessuno di questi proveniva dalla Cina o dalla RP della Cina». «La RP della Cina ha sostenuto la lotta degli africani contro il colonialismo prima di iniziare lʼattività economica nel continente». Il presidente ruandese Paul Kagame ha sottolineato che la presenza della RP della Cina in Africa è diversa da quella di altri Paesi: «Non credo che la RP della Cina abbia costretto nessun Paese africano a prendere i propri soldi per accumulare il tipo di debito che potresti trovare con altri Paesi». Il ministro degli Esteri nigeriano Geoffrey Onyeama ha dichiarato che la Nigeria ha scelto società cinesi per progetti infrastrutturali perché erano esperte e offrono tariffe competitive. «Quindi la questione dellʼ“influenza” cinese non entra davvero in gioco».