Mauro Zanetti, I fili del mondo

I fili del mondo è un romanzo storico ricco di intrighi e misteri, ma è anche una grande storia di amicizia e riscatto. Nell’Anno del Signore 1657 due tessitori genovesi in fuga dalla ondata di peste che si è abbattuta sulla loro città giungono nel borgo di Ala, nei pressi di Trento, dove ottengono ospitalità dall’illuminato parroco don Alfonso Bonacquisto che pensa di sfruttare l’occasione per proporre loro l’inizio di un’attività tessile. Per recuperare gli utensili necessari i tessitori devono tornare a casa affrontando un viaggio pericolosissimo: la Repubblica di Genova prevede pene severissime, sino alla condanna a morte, per chi esporta i segreti dell’arte tessile. Il viaggio procede tra imprevisti e colpi di scena e mostra il momento storico e i tratti salienti di una civiltà del nord Italia in uno dei secoli più travagliati e complicati dell’epoca moderna.

Mauro Zanetti è nato nel 1977 a Trento, città nella quale tuttora vive e dove insegna  italiano e storia in un istituto professionale. Questo è il terzo romanzo pubblicato con la casa editrice Nulla Die, dopo Tracce Parallele e La belva di Garait.