Investimenti sostenibili ESG, il “World Economic Magazine” premia la sostenibilità di Banca Generali

L’Istituto guidato da Gian Maria Mossa si conferma leader negli investimenti sostenibili ESG. Ad avvalorarlo è il “World Economic Magazine”, che ha nominato Banca Generali “Most Sustainable Private Bank 2022”. Riconosciuto l’impegno del Gruppo anche in materia di diversità e inclusione.

Banca Generali, premiato modello unico dedicato agli investimenti sostenibili ESG

Si allunga la lista dei riconoscimenti di Banca Generali. L’Istituto private è stato infatti nominato “Most Sustainable Private Bank 2022″. A conferire il riconoscimento il “World Economic Magazine“, testata statunitense specializzata nella finanza internazionale. L’Istituto si conferma ancora una volta punto di riferimento nel panorama mondiale degli investimenti sostenibili ESG. Lo scorso anno la raccolta in fondi ESG ha toccato quota 1,4 miliardi di euro e oggi Banca Generali gestisce soluzioni di investimento certificate per oltre 7 miliardi. Ma a convincere la giuria del magazine statunitense non solo i risultati ottenuti, ma soprattutto l’unicità del modello commerciale di sviluppo. È dal 2019 infatti che, grazie ad una partnership avviata con MainStreet Partners, l’Istituto mette a disposizione dei propri clienti una piattaforma, la BG Personal Portfolio, che consente di associare i portafogli di investimento ai 17 SDGs dell’Agenda Onu 2030.

Leadership femminile, le azioni di Banca Generali

Quello come banca private più sostenibile dell’anno non è l’unico riconoscimento al leader degli investimenti sostenibili ESG. Il “World Ecnomic Magazine” ha infatti nominato Banca Generali “Best Private Bank for Diversity & Inclusion Italy 2022”. Gli esperti riuniti dal magazine hanno voluto evidenziare l’impegno portato avanti dall’Istituto sui temi della diversità e dell’inclusione. Nella valutazione hanno particolarmente inciso alcuni progetti interni dedicati alla leadership femminile e che negli ultimi anni hanno incentivato la presenza di donne nel settore della consulenza finanziaria. Il Piano strategico presentato a febbraio conferma la direzione scelta da Banca Generali. Tra i pillar la sostenibilità e la volontà di coinvolgere nel processo tutti gli stakeholder. Per quanto riguarda il suo contributo alla lotta al cambiamento climatico, la società ha annunciato che raggiungerà la carbon neutrality entro il 2040, mentre nei prossimi due anni il Gruppo intende toccare quota 40% di investimenti sostenibili ESG sul totale delle soluzioni gestite. In merito al personale, nell’arco temporale del Piano almeno il 50% delle nuove assunzioni riguarderà figure al di sotto dei 35 anni. Diverse le iniziative a sostegno della work-life balance, della diversity e dell’Inclusion.