Protagonisti del private equity: il ritratto di Attilio Mazzilli, avvocato e Partner Orrick

La laurea in Giurisprudenza, un Master of Law negli Stati Uniti e la formazione negli studi legali più rinomati di Milano. Attilio Mazzilli è un professionista conosciuto nel panorama italiano del private equity. Profondo conoscitore delle realtà tech, dal 2015 collabora con lo Studio legale internazionale Orrick.

Attilio Mazzilli

Attilio Mazzilli: gli studi all’estero, l’ingresso in Chiomenti e gli incarichi in Carnelutti

Avvocato, consulente ed esperto nei settori Tech e Finance, oggi Attilio Mazzilli è Responsabile del Tech Group in Italia e membro dell’International Technology Companies Group di Orrick. Partner dal 2015, per la global firm si occupa soprattutto di M&A nell’ambito del private equity e del venture capital. Tra i suoi clienti più recenti l’italiana Scalapay, che lo scorso marzo ha chiuso un round da unicorno portando il valore della fintech a oltre 1 miliardo di dollari. Un percorso di successo, quello di Attilio Mazzilli, iniziato subito dopo gli studi universitari. Conseguita la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano, inizia la carriera negli uffici milanesi dello Studio Pavia e Ansaldo, diventando Associate. Dopo aver ottenuto l’abilitazione, decide di continuare gli studi all’estero trasferendosi a Los Angeles, in California. Qui frequenta la University of Southern California School, dove consegue un Master of Laws in Business & Corporate Law. Rientrato a Milano, nel 2007 è Senior Associate dello Studio Chiomenti, tra i più importanti in Italia per vocazione internazionale. Quattro anni più tardi fa il suo ingresso in un’altra law firm rinomata a livello internazionale, lo Studio Carnelutti, dove collabora sia come Partner che come Head of International Development.

Attilio Mazzilli: gli anni in Orrick e il focus sulle società Tech

Le esperienze in Chiomenti prima e in Carnelutti poi gli consentono di consolidare le competenze acquisite a livello internazionale. Nel 2015 arriva la chiamata dalla sede milanese di Orrick, Herrington & Sutcliffe, studio internazionale fondato nel 1863 a San Francisco e che oggi collabora con le principali istituzioni finanziarie e società tecnologiche a livello globale. In Orrick Attilio Mazzilli si concentra nell’ambito delle fusioni e acquisizioni, sia nazionali che cross border, nel private equity e nel venture capital. Si occupa inoltre di assistere startup e fondi di Venture Capital, seguendoli sia nelle operazioni di finanziamento che negli ambiti legati al diritto societario e alle quotazioni. Nel 2019 Orrick lo nomina Responsabile del Tech Group Italiano, team di professionisti altamente specializzati nei settori dall’industry al Tech, passando per cybersecurity, privacy e M&A. Negli ultimi anni ha partecipato come consulente alle principali operazioni concluse in Italia. Tra le più importanti il mega-round da 100 milioni da parte di Goldman Sachs per l’insuretech Prima Assicurazioni, la cessione da parte di Neutrino del capitale sociale al colosso americano Coinbase e l’aumento di capitale per 14 milioni più un finanziamento senior da 15 a beneficio di Safety21. Lo scorso marzo Attilio Mazzilli ha coordinato il team di Orrick che ha assistito Scalapay nell’ultimo round da unicorno guidato dalla cinese Tencent, che si aggiunge a quello di Serie A di Tiger Global, e portato la Fintech a superare il miliardo di dollari di valore.