Pnrr, attacco di Fanti (Lega): il Comune di Latina perde 11,5 milioni

LATINA – Il contributo ottenuto dal Comune di Latina da destinare ad investimenti in progetti di rigenerazione urbana volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale di cui al D.P.C.M. del 21 Gennaio 2021, rappresenta solo il 40% circa del finanziamento a cui potenzialmente poteva avere accesso l’Ente.  

“L’Amministrazione Comunale – dichiara Alessandro Fanti esponente della Lega – con delibera di Giunta n.121/2021, ha avanzato richiesta al Ministero dell’Interno per il finanziamento di soli n.5 interventi per complessivi €8.491.737,87, a fronte di una possibilità di acceso al contributo pari ad €20.000.000. Difatti l’articolo 2 del DPCM del 21 gennaio 2021 prevedeva la facoltà di richiedere i contributi previsti dall’art. 1 comma 42 della legge 160/2019 nel limite massimo di €5.000.000 per i comuni con popolazione da 15.000 a 49.999 abitanti, €10.000.000 per i comuni con popolazione da 50.000 a 100.000 abitanti e €20.000.000 per i comuni con popolazione superiore o uguale a 100.001 abitanti. Pertanto il Comune di Latina, rientrando nell’ultima casistica, aveva la possibilità di richiedere contributi per complessivi €20.000.000.  

Tuttavia l’Amministrazione, avanzando richiesta di cui alla citata Delibera, di fatto si è negata l’accesso alla totalità del contributo e quindi per ulteriori €11.500.000 circa, fondi quest’ultimi che potevano essere utilizzati per la realizzazione di interventi manutentivi per il riuso e rifunzionalizzazione di aree e strutture edilizie, interventi di miglioramento della qualità di decoro urbano anche attraverso la ristrutturazione edilizia di immobili pubblici ed interventi di mobilità sostenibile. Tutti interventi di cui la nostra Città ha estrema necessità”.  

“Ulteriormente, a seguito di una attenta analisi del Decreto del Ministero dell’Interno datato 30 dicembre 2021 con cui sono stati individuati i 483 beneficiari del contributo – continua Fanti –, si può constatare come i Comuni della nostra provincia abbiano fatto decisamente meglio, ottenendo il massimo del contributo a loro disposizione in relazione agli abitanti: difatti Aprilia ha ricevuto €9.980.780 (99,81% del contributo fruibile), Cisterna di Latina €5.000.000 (100% del contributo fruibile), Fondi €5.000.000 (100% del contributo fruibile), Gaeta €5.000.000 (100% del contributo fruibile), Minturno €4.970.000 (99,40% del contributo fruibile), Terracina €4.858.480 (97,17% del contributo fruibile), Sabaudia €4.743.400 (94,87% del contributo fruibile), Formia €5.000.000 (100% del contributo fruibile) e Sezze €4.028.000 (80,56% del contributo fruibile). Anche Rieti e Viterbo, capoluogo di provincia come Latina, hanno ottenuto un contributo maggiore, rispettivamente di €20.000.000 e 17.669.398”.  

“A queste risorse, oramai perdute a danno dell’intera comunità, si aggiungono quelle del bando Sport e Periferie 2020: l’Amministrazione per tale bando ha avanzato ed ottenuto richiesta di finanziamento per €400.000 a fronte di una possibilità di accesso al contributo pari ad €700.000. Anche in questo caso i Comuni di Cisterna di Latina e Gaeta hanno fatto meglio, ottenendo il massimo del contributo (€700.000)”.  

“I fondi del PNRR – conclude Fanti – rappresentano una risorsa unica per la ripresa e lo sviluppo della nostra Città ed è inconcepibile che l’Amministrazione si precluda autonomamente il pieno accesso agli stessi. In un’ottica di maggiore fruibilità di dette risorse, sarebbe opportuno che l’Ente favorisca una sinergia con gli ordini professionali – in questo specifico caso con quello degli Architetti / Ingegneri e dei Geometri – al fine di farsi coadiuvare nella progettazione degli interventi da effettuare nel nostro territorio così da poter riuscire ad introitare la totalità dei contributi erogabili, con ricadute positive anche per tutto l’indotto economico”.