“Elements”, suite moderna elettronica con i saxofoni di Axem

Disponibile da martedì 16 novembre su tutte le piattaforme streaming e su tutti gli stores online il nuovo concept EP del saxofonista Axem, “Elements“, ispirato al mito delle bestie divine Behemoth, Leviatano e Ziz.

Così Axem (nome d’arte di Alessio Matrigiani) presenta il suo nuovo lavoro discografico, a cinque mesi dall’uscita del suo primo EP “Pulse“: «Elements” è una cornice intorno alla pandemia: il progetto è nato infatti tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, attraversando poi il primo lockdown nazionale, in modo particolare con il secondo brano, “Leviathan”, spontaneamente concepito come un atto di “sfogo” artistico-emotivo, specchio delle fragilità umane e delle mancanze sentimentali e relazionali attraverso cui si dipana la narrativa insita nell’EP.»

Elements” è dunque una storia ma anche un’esigenza introspettiva, la trasposizione dei sentimenti e delle sfaccettature della personalità umana attraverso i diversi generi di cui sono vestiti i tre brani rappresentanti le tre bestie, a partire dall’energico e travolgente mood dance di “Behemoth” fino all’electro-fusion carico di assoli di sax di “Ziz“. “Leviathan“, forse più degli altri brani, assume l’aspetto buio di un umanizzato dramma interiore, rappresentato dall’involontario  abbandono dalla persona amata, divenendo anche simbolo dell’isolamento e del distacco relazionale e sociale che ha caratterizzato specialmente i primi mesi del 2020, in un parallelismo con la bestia mitologica che conferisce il nome al relativo brano, alla quale la forza divina strappò irrimediabilmente via la sua “metà” per scongiurare il potenziale pericolo di distruzione a opera della coppia di mostri.

Il Leviatano, accecato dalla collera e dalla tristezza, darà sfogo, attraverso contrasti musicali, alla sua possente forza, risalendo le acque abissali fino ad approdare sulla terraferma, dove lo attende il suo nemico predestinato, il Behemoth, per arrestarne la furiosa avanzata distruttrice.
A fare da risolutore sarà Ziz, il volatile più grande del creato, nel cui brano dedicato avviene la sfida tra i due mostri-saxofoni.

Dal 18 novembre (e dal 19 novembre in formato video) sarà possibile approfondire i dettagli del racconto attraverso il profilo Instagram di Axem (@axem_sax).

Tutti i brani sono stati composti, arrangiati, eseguiti e prodotti da Axem. Mixing e mastering sono stati curati da Cristian Cardillo.

Ascolta “Elements”

 

Biografia
Axem, nella vita Alessio Matrigiani, nasce nel 1996 in una famiglia di musicisti. All’età di 13 anni viene introdotto allo studio continuativo del sax dal nonno, il M° Carmelo Scafidi; quattro anni più tardi, nel 2013, vince il suo primo Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale, per poi essere ammesso dopo pochi mesi al Conservatorio Santa Cecilia di Roma, dal quale, sotto la guida di Maestri quali Alfredo Santoloci, Rosario Giuliani ed Eugenio Colombo, si congeda definitivamente a marzo 2021 dopo il conseguimento di tre Diplomi Accademici con il massimo dei voti. Negli anni ha collaborato e condiviso il palco (tra i quali quelli del Concertone del 1 Maggio 2014, del Teatro Eliseo di Roma e del Teatro dell’Opera di Astrakhan in Russia) con artisti quali Stefano Di Battista, Danilo Rea, Carla Marcotulli, Dick Halligan, Andrea Casta, Federica Buda e altri, suonando inoltre, con varie formazioni musicali, presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, la Sala Nervi alla presenza di Papa Francesco, Zuma Rome (Palazzo Fendi), l’Accademia Filarmonica di Verona e a bordo della Costa neoClassica. A giugno 2021 debutta discograficamente con il suo primo EP “Pulse”.

Contatti
Instagram: @axem_sax (www.instagram.com/axem_sax)
Spotify: Axem
YouTube: Axem – Alessio Matrigiani (www.youtube.com/channel/UCtjeeFnXgr_vLJf94fJq8Bg)
Facebook: Axem
TikTok: @axem_sax