Veronica Rudian La mia musica per  A un passo dal Cuore

A un passo dal Cuore, Cortometraggio tratto dal romanzo di Daniela Santelli con la regia di Giuliano Pagani

Cosenza (Rende) – Giovedì 11 novembre 2021, alle ore 19, Veronica Rudian sarà ospite al Cinema Teatro Garden per presentare le sue musiche, colonna sonora del cortometraggio A un passo dal Cuore tratto dal libro della scrittrice calabrese, Daniela Santelli con la regia di Giuliano Pagani.

Un progetto filmico che nasce dall’alchemico incontro della scrittrice, il regista Giuliano Pagani e la giovane talentuosa compositrice e pianista Veronica Rudian che ne ha composto la colonna sonora.

Un cortometraggio che sarà presentato ai David di Donatello e a Venezia l’anno prossimo, con il compito e l’ambizione di aprire la strada al film.

Veronica Rudian: “Per il cortometraggio, tratto dal romanzo omonimo della scrittrice Daniela Santelli, ho composto la colonna sonora Eyes e altri due brani. Le musiche da film mi piacciono particolarmente e ogni volta che mi viene proposto, sono felice di accompagnare, sottolineare le immagini, mettendo a disposizione la mia creatività e la mia musica. Con Giuliano Pagani abbiamo avuto già modo di collaborare e il fatto che fosse lui a propormela, insieme a questa storia passionale, che racconta la fine di un amore, mi ha coinvolta e ispirata. Eyes, la colonna sonora del corto, è pianoforte ed archi. Gli archi con il solo pianoforte mi emozionano, più di qualunque altra cosa e per A un passo dal Cuore non potevo rinunciarvi. Eyes è un brano intenso, una rincorsa verso l’altro che ci sfugge. Romantico e drammatico al tempo stesso. Eyes è contenuto nel mio ultimo disco Luce”.

A un passo dal Cuore unisce il nord ed il sud con la scrittrice calabrese Daniela Santelli, il regista Giuliano Pagani e la compositrice Veronica Rudian che vivono in Liguria, in un fortunato e creativo incontro di giovani artisti.

Dichiara Daniela Santelli: “Giuliano Pagani, giallista, volle leggere per curiosità il mio libro e sorprendentemente ne rimase colpito. Da lì il progetto di un film e di un cortometraggio che in qualche modo ne fosse l’apripista. Il regista mi propose per la colonna sonora, Veronica Rudian che diceva essere la persona giusta. Ho deciso di fidarmi e affidarmi a Giuliano, che non ha avuto nessun dubbio a riguardo. Ho voluto guardare il cortometraggio solo alla fine del montaggio con le musiche scritte da Veronica, per capire quali emozioni mi avrebbero trasmesso. Le ho trovate perfette per la mia storia che lei aveva compreso e sottolineato magistralmente. Oggi sono emozionata e felice”.

Aggiunge il regista: “Nonostante sia un amante del noir, A un passo dal Cuore mi ha incuriosito.  Mi piace mettermi alla prova, uscendo dalla mia “confort zone” e le esperienze di vita reale della storia, mi hanno trasmesso una serie di emozioni che ho cercato di decodificare. Veronica l’ho voluta fortemente perché ci conosciamo da tempo e da sempre ne ammiro il talento. Lei la musica non la compone, la sente. Ed io avevo bisogno che “traducesse” in musica quello che sentiva. Non mi ha deluso, ma sorpreso come riesce a fare sempre: era perfetta. La mia idea di set è di una famiglia perché sono convinto che col sorriso si ottenga di più e questo gruppo di lavoro si è rivelato vincente.  Ho voluto essere fedele al libro, a parte alcuni passaggi, veramente pochi, che non potevano essere tradotti in un linguaggio cinematografico. Abbiamo scelto di farne un cortometraggio invece che un teaser perché fosse rispettoso della storia, che merita davvero”.

Gli studi, i premi, i riconoscimenti di Veronica Rudian sono moltissimi, ma non bastano a descrivere quale forza si sprigioni quando posa le mani sul suo pianoforte. La costa dell’estremo ponente ligure è la sua casa, il luogo privilegiato dove ascoltare il canto del mare e tradurlo in musica. Veronica pianista produttrice e poetessa, sembra arrivare da un altro pianeta, dove è la musica a regnare. La musica per lei è tutto: è il suo modo di esternare quello che ha dentro. Le note sono le sue parole.

Non lasciatevi ingannare, non è fragile come sembra, ma una potenza della natura e della musica. Positiva per natura, desidera dare spazio e veicolare solo cose buone, combattendo la negatività. La sua unica arma sono le note con le quali racconta e ci trasporta in quello che è il suo “magico mondo” di creativa.

Veronica suonerà un pianoforte offerto dalla Ditta Scavello Strumenti Musicali di Lattarico (CS).