Il sax si fa moderno nel nuovo EP di Axem

È disponibile dal 22 Giugno su tutte le piattaforme streaming e su tutti gli stores online “Pulse”, l’EP estivo d’esordio del giovane saxofonista romano Alessio Matrigiani in arte Axem.

«“Pulse” è nato d’impulso, in una notte di fine estate del lontano 2015. Ha iniziato a “pulsare” nella mia testa il motivo del ritornello, in maniera piuttosto martellante, e in un attimo, come un vero atto di ispirazione, l’idea dell’intero brano si è sviluppata da sé.» Axem

L’EP “Pulse” prende il nome dall’omonimo singolo. Il progetto nasce come sviluppo di un esperimento di fusione tra la musica elettronica moderna e uno strumento acustico, quale è il sax, comunemente attribuito alla musica jazz ma in questo caso concepito in maniera “pop”.

L’EP è poi composto da altri tre brani (differenti arrangiamenti della title track) i quali spaziano tra diversi generi: si passa dalla musica ambient, con le note eteree del pianoforte di Renato Matrigiani, a un reggaeton strumentale, fino a includere il primo esperimento concretizzato nel 2017 con il DJ Luca Michele.

Il brano è stato composto, arrangiato, eseguito e prodotto da Axem, con la collaborazione aggiunta, negli arrangiamenti delle versioni Reggaeton e 2017, rispettivamente di Renato Matrigiani (featuring nella Ambient Version) e Luca Michele. Mixing (a eccezione della 2017 Version, in cui è a opera di Luca Michele) e mastering sono stati curati da Vian Shade.

Ascolta “Pulse”
Spotify: https://open.spotify.com/album/43R5SAX5yOF1BOjhFxq7pK

Biografia
Axem, nella vita Alessio Matrigiani, nasce nel 1996 in una famiglia di musicisti. All’età di 13 anni viene introdotto allo studio continuativo del sax dal nonno, il M° Carmelo Scafidi; quattro anni più tardi, nel 2013, vince il suo primo Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale, per poi essere ammesso dopo pochi mesi al Conservatorio Santa Cecilia di Roma, dal quale, sotto la guida di Maestri quali Alfredo Santoloci, Rosario Giuliani ed Eugenio Colombo, si congeda definitivamente a marzo 2021 dopo il conseguimento di tre Diplomi Accademici con il massimo dei voti. Negli anni ha collaborato e condiviso il palco (tra i quali quelli del Concertone del 1 Maggio 2014, del Teatro Eliseo di Roma e del Teatro dell’Opera di Astrakhan in Russia) con artisti quali Stefano Di Battista, Danilo Rea, Carla Marcotulli, Dick Halligan, Andrea Casta, Federica Buda e altri, suonando inoltre, con varie formazioni musicali, presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, la Sala Nervi alla presenza di Papa Francesco, Zuma Rome (Palazzo Fendi), l’Accademia Filarmonica di Verona e a bordo della Costa neoClassica.