L’amore come un viaggio enogastronomico tra le sfumature dell’anima: “Laissez-Faire” è il nuovo singolo di Sarai

Dopo l’incredibile successo di pubblico e critica ottenuto con “Ci hai perso tu”, Sarai, tra le più belle voci soul-black del panorama musicale femminile italiano, torna sulle piattaforme digitali con “Laissez-faire” (The Bluestone Records), il suo nuovo singolo.

Ascolta su Spotify.

Il brano, apertamente ispirato all’omonima corrente di pensiero liberista francese, è stato scritto dalla vivace ed incisiva penna della giovane artista romana in una mattinata scolastica, tra i banchi del Liceo.

L’ideologia del non intervento dello Stato nel sistema economico, del “lasciate fare” al singolo, volta al raggiungimento del benessere individuale e collettivo, qui si ricollega, con arguta e frizzante ironia, alla buona cucina ed, in particolar modo, ai formaggi ed ai vini transalpini, a cui Sarai attinge per rappresentare in musica il concetto di felicità. Una felicità che parte da noi per coinvolgere l’altro e concretizzarsi in un benessere a due, per navigare insieme «un mare fatto di Brie», tra «fiori d’Asiago» ed «ombrelli di burro» che con dolcezza riparino testa e cuore dalle intemperie della vita.

Laissez-faire”, cullato da vibranti sonorità indie-pop che strizzano l’occhio all’urban ed al funky – curate dal sapiente lavoro di Reb The Prod – è una ventata d’aria fresca che arriva sin dal primo ascolto grazie alla vocalità potente, emozionante e ricca di sfumature di Sarai: il connubio perfetto di ironia, passione e sentimento che accompagna l’ascoltatore in un viaggio enogastronomico tra i profumi, i sapori ed i colori dell’anima e che ha come unica meta l’amore.

«”Laissez-faire” – dichiara Sarai – è una canzone nata tra i banchi di scuola. Durante la spiegazione, la professoressa di francese ha tirato fuori il termine, spiegandone la relativa teoria. Appena ho sentito la parola, mi sono detta: “devo scriverci una canzone!” e, come mio solito, ho iniziato a farlo sul quadernino che porto sempre con me. Chiaramente nel pensare al testo ho seguito poco la lezione, così ho attribuito al “Laissez-faire” una filosofia tutta mia, decisamente personale, che esula dal benessere puramente economico e diventa più un “vivi e lascia vivere”, un “lasciate fare” a 360 gradi e, perché no, un “lasciatemi sognare l’amore in un mondo fatto di formaggi”».

Brillante, versatile ed incisiva, Sarai riconferma il suo talento e la sua capacità espressiva con un brano d’amore che parla di sentimenti in maniera diretta e sincera, utilizzando un’ironia intelligente ed efficace, che fa centro raccontando il desiderio di condividere il proprio percorso con un’altra persona, perché le relazioni di coppia, per essere serie, hanno bisogno di leggerezza, spontaneità e complicità, quell’equilibrio che ci rende grati e felici nello stare insieme, nell’essere «io, te, uno Chardonnay».

 

Biografia.
Sarai, pseudonimo di Sara Bassotti, nasce a Roma il 09 Settembre del 2001. All’età di 14 anni inizia a scrivere i primi testi, mossa dall’urgenza di raccontare e raccontarsi e dall’esigenza di esternare una grande delusione familiare che la teneva ancorata al passato. La Musica è per lei un’entità a cui raccontare tutto, un angelo custode a cui affidare pensieri, sogni, gioie e paure, sconfitte e vittorie; una sorta di oracolo a cui porre domande e dal quale ricevere risposte, risposte che non tardano mai ad arrivare. Inizia a suonare da autodidatta e, poco dopo, si iscrive a corsi privati, fino a seguire il percorso formativo in Chitarra Jazz al Conservatorio di Roma. Negli anni del Liceo, ricopre il ruolo di frontwoman e seconda chitarra del gruppo punk-rock Four Vibes, con cui pubblica, nel 2018, l’EP di debutto “Such a Good Lover”. Nello stesso anno, Sarai intraprende un’esperienza all’estero, trascorrendo un anno nella coloratissima Repubblica Dominicana: un’esperienza che cambia profondamente l’artista, arricchendola personalmente e professionalmente. Al suo ritorno in Italia, si avvicina sempre di più al panorama discografico nazionale, cimentandosi nella composizione di brani originali, che fondono le sonorità attuali alle sue radici rock, dando così vita ad un indie-pop-rock unico nel nostro Paese. Il suo talento, la sua determinazione ed il suo amore per la musica la portano, a fine 2020, a firmare un contratto discografico con The Bluestones Records, attenta e proficua label romana con cui Sarai pubblica, il 19 Febbraio 2021 il suo primo singolo da solista, “Ci hai perso tu”. Una voce ricca di colori Soul che punta e giunge dritta al cuore, una vocalità piena, calda, avvolgente, che prende per mano l’ascoltatore ed attraverso l’universale abbraccio della musica, lo trasporta in un mondo costellato di sogni, speranze ed energia.