Sax e sintetizzatori: Son Du Xangô omaggia Astor Piazzolla nel centenario della nascita

In occasione del centenario della nascita di Astor Piazzolla, i Son du Xangô, gruppo musicale di tango contemporaneo, colgono l’occasione per onorare e celebrare uno dei musicisti più influenti dell’ultimo secolo, da sempre inesorabile fonte d’ispirazione per il gruppo.

Hai già messo mi piace sulla nostra pagina?

Margherita Crisetig, saxofonista di formazione classica che si dedica da tempo a perfezionare il linguaggio del tango argentino e Alessandro Scolz, pianista e tastierista poliedrico di formazione jazz, sono due dei componenti del gruppo Son du Xangô, quintetto che rilegge le pagine del Tango Nuevo di Piazzolla con strumenti innovativi e sonorità elettriche.

Saranno loro i protagonisti di questo omaggio, presente dal 26 marzo sulle principali piattaforme di streaming e store digitali.

Si tratta di una rielaborazione di Milonga Sin Palabras, una composizione del grande maestro argentino che nasce per voce e pianoforte, ma che essendo appunto “senza parole” si presta a diverse interpretazioni strumentali.

L’intento di sperimentare cercando nuove sonorità raramente riconducibili a questo genere musicale, ha spinto Scolz a operare una vera e propria orchestrazione della parte pianistica attraverso l’utilizzo dei sintetizzatori.

“In questo periodo storico assistiamo a una sorta di nostalgia del sintetizzatore vintage, che porta a un revival di queste macchine sia analogiche che digitali a cui si aggiungono software e strumenti virtuali che ampliano notevolmente le possibilità timbriche e creative.

Questa componente musicale elettronica convive qui con la sonorità acustica ed estremamente espressiva del saxofono soprano, che è il vero protagonista di questo duo.

Ci piace pensare che anche a Piazzolla sarebbe piaciuto questo sperimentalismo”.

BIO

Son du Xangô 

Margherita Crisetig, sax soprano e baritono / Francesca Hrast, vibrafono / Riccardo Casanova, basso elettrico / Alessandro Scolz, tastiere / Denis Zupin, batteria.

Il gruppo Son du Xangô nasce nel 2019 da un’idea della sassofonista Margherita Crisetig con l’intento di riproporre la nuova musica che Astor Piazzolla sviluppò a partire dagli anni Sessanta, introducendo nella sua orchestra strumenti che tradizionalmente non venivano utilizzati nel tango argentino. È su questa scia che il quintetto accosta nel suo organico strumenti che conferiscono all’ensemble una sonorità “elettrica”, con influenze jazz e rock.

Il quintetto è stato invitato a esibirsi in diversi eventi in territorio friulano tra cui l’apertura della rassegna “Udin&Jazz al Caucigh” proponendo un progetto dal titolo “Reminiscence 1974” incentrato sulla produzione italiana di Piazzolla del 1974, che ha segnato la svolta “elettrica e rivoluzionaria” con gli album “Libertango” e “Summit – Reunion Cumbre”, quest’ultimo nato dall’incontro con il sassofonista statunitense Gerry Mulligan.

Nell’estate 2020, per gli “Incontri di musica da camera” a Cividale del Friuli (UD) si sono esibiti con il bandoneonista Marcelo Nisinman, grande interprete mondiale del nuovo tango, proponendo musiche di Piazzolla e dello stesso Nisinman.


Vuoi pubblicare anche tu i tuoi comunicati su Agenziastampa.net: invia il tuo comunicato è gratuito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui