Tremate, DIABOLIC è tornato e colpirà!

Quel ladro di negoziante sotto casa vi ha rifilato l’ennesimo e ingiustificato aumento di prezzi? Il vostro dentista vi ha quasi ucciso mostrandovi a tradimento la parcella da pagare?

Hai già messo mi piace sulla nostra pagina?

Vostra moglie, con un abile gesto criminale, ha speso tutto il vostro stipendio in uno scriteriato pomeriggio di shopping con le amiche? Ebbene… sono solo dei dilettanti!

Diabolic… il più grande (o almeno così lui crede) genio criminale di tutti tempi è tornato.
State in guardia dunque, perché lui colpirà e colpirà di sorpresa, forse colpirà il muro della
vostra casa a 300 all’ora per il malfunzionamento dei freni dell’auto, forse colpirà l’asfalto
della strada dopo una caduta dal decimo piano di un palazzo, ma colpirà! E, come un pezzo di torta rimasto nel frigo, avanzerà e non si fermerà davanti a niente, perché lui è Diabolic.
Ok, scherzi a parte, per chi ancora non lo avesse capito Diabolic è la parodia, ben disegnata
e costruita su un umorismo d’effetto, del celebre personaggio delle sorelle Giussani.

Le strisce sono state inizialmente pubblicate nell’arco di oltre un decennio sulla “La Gazzetta di Clerville”, house organ del Diabolik Club, roba dunque per addetti al culto del “re del terrore”, in alcuni albi autoprodotti e in parte nel volume miscellaneo “Rat-Man. Eroi per ridere” (2009), e ora vengono per la prima volta presentate riunite in un unico volume che le raccoglie tutte (comprese alcune inedite).

Il titolo della raccolta è “Diabolic. A volte ritorno”, la casa editrice è Festina Lente Edizioni, giovane casa editrice particolarmente attiva nel comparto del fumetto umoristico, mentre gli autori sono il consolidato duo Stefano Ratti, per la sceneggiatura, e Dimitri Fogolin, a pennello e pennino per i disegni. Diabolic infatti non è l’unico misfatto nel genere comic strip della simpatica coppia Fogo & Ratti, che in passato ha dato vita anche alle strip di Fame nera, una striscia umoristica ambientata in Africa.

Come scrive Mario Gomboli – che di Diabolik, quello vero, dopo le sorelle Giussani ne è
oggi il principale continuatore –, a cui si deve la prefazione al libro, quello che i due autori
hanno fatto è nato inizialmente come uno scherzo, un divertissement tra appassionati di fumetto per ridere un po’. Poi però ci hanno preso gusto e, striscia dopo striscia, hanno via via popolato parodisticamente l’intero universo narrativo di Diabolik, quello vero con la k finale, con altrettanti personaggi spassosi quanto il loro Diabolic (quello con la c finale, ça va sans dire).

Insomma Diabolic è, o almeno vorrebbe essere, il re del crimine, ma se è vero che il crimine non paga, a lui non dà neppure la mancia. In un susseguirsi di spassose gag il nostro “eroe” si trova infatti via via coinvolto in arditi quanto sfortunati piani criminosi dagli esilaranti esiti catastrofici. Da leggere tutto d’un fiato.

Dimitri Fogolin è un illustratore e fumettista nato a San Vito al Tagliamento, in Friuli.
Tramite l’Associazione Fame Comics ha disegnato e pubblicato le strisce umoristiche Diabolic scritte da Stefano Ratti. Alcune strisce sono state pubblicate anche da RCS nel volume Rat-man. Eroi per ridere. Nel 2012 ha vinto il Premio Carlo Boscarato del
Treviso Comic Book Festival come miglior colorista. Per i tipi di Tapirulan ha collaborato come illustratore per la Guida della Provincia di Cremona e i libri Bombeiros, Sjette e ha partecipato alla mostra-catalogo Fior di zucche. Per il Circolo Culturale Controtempo, ha illustrato Fiction di Flavio Massarutto per la collana “Quaderni Jazz”. Lavora inoltre come colorista per le edizioni Delcourt (Francia) e Standaard Uitgeverij (Belgio).

Stefano Ratti, attivo in particolar modo come sceneggiatore, col supporto grafico di vari disegnatori, è ideatore di Odisseo, una serie a fumetti che narra la storia di un giovane Ulisse. Scrive poi le storie del barbaro Lorcan, disegnate da Damix. In partnership con Dimitri Fogolin, alle matite, è invece autore dei testi delle strisce umoristiche
Don Salvo, Fame Nera e Diabolic, parodia di Diabolik approvata dall’Astorina Editrice.
Nel 2006, durante l’8° Festival Internazionale del Cinema d’Animazione e Fumetto di Dervio, è stato premiato in qualità di autore del miglior soggetto e sceneggiatura.


Vuoi pubblicare anche tu i tuoi comunicati su Agenziastampa.net: invia il tuo comunicato è gratuito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui