Caos Procure, Cicchitto (ReL): “Bisognava cancellare tutto, messo in piedi un processo sommario”

foto IPP / Vincenzo Bruni Roma 11-12-2014 Camera dei Deputati: Presentazione dei discorsi parlamentari di Vittorio Foa. nella foto: Fabrizio Cicchitto, deputato del Nuovo Centro Destra.

01 nov 2020 – “E’ evidente che mentre ai tempi di Mani Pulite a Milano erano in azione il pool dei pm ed il pool dei direttori dei quattro giornali (Repubblica, Corriere della Sera, Stampa e Unità) che quotidianamente coordinavano le rivelazioni, nel caso Palamara – invece – si è costituito un unico pool composto da alcuni magistrati e da alcuni cronisti giudiziari che si sono battuti senza esclusione di colpi per la conquista della Procura di Roma, dopo l’onnipotente Pignatone. Da ciò deriva tutto, compreso l’uso selettivo del trojan che molte volte registrava ma in qualche caso ometteva di registrare l’esecuzione di Palamara. Poichè bisognava cancellare rapidamente tutto, allora è stato messo in piedi un processo sommario portato avanti con grande celerità, istruito da qualche piccolo Berja e gestito da qualche piccolo Vysinskij. E Dicendo questo non facciamo nessun riferimento al procuratore generale Giovanni Salvi..”.

A sostenerlo è il Presidente di ReL, Riformismo e Libertà, Fabrizio Cicchitto.