Francesco Acquaroli è tra i protagonisti di Fargo, Suburra, Il giorno e la notte, e Alfredino – una storia italiana


Hai già messo mi piace sulla nostra pagina?

Francesco Acquaroli è tra i principali interpreti di Suburra, Fargo, Il giorno e la notte, e Alfredino – una storia italiana. È un periodo molto intenso e gratificante, ricco di importanti soddisfazioni per l’attore romano che dopo il personalissimo successo riscosso con il ruolo di Samurai in “Suburra”, ha lavorato in America nella famosissima serie di successo “Fargo”.

La terza e ultima stagione di Suburra – la serie, il crime thriller italiano originale Netflix prodotto da Cattleya – parte di ITV Studios – in associazione con Bartlebyfilm sarà disponibile dal 30 ottobre in oltre 190 paesi nel mondo. Lanciata nel 2017 e concepita sin dal principio per raccontare la profana trinità – Chiesa, Stato, Crimine – nell’arco di tre stagioni, la prima serie originale italiana Netflix giunge ora al suo atto finale.

Francesco Acquaroli interpreta il ruolo chiave di Samurai, cattivo per eccellenza, regista che nell’ombra trama con la mafia, con la criminalità romana (la famiglia “Adami” di Ostia e la famiglia sinti degli “Anacleti”) e con la politica, per costruire un porto turistico su alcuni terreni di Ostia. I riferimenti sono noti. Il tutto è ambientato dagli sceneggiatori – che in parte si sono ispirati alle vicende di “Mafia capitale” – tra le dimissioni di un sindaco, le elezioni per eleggere quello nuovo e il sopravvenire dell’emergenza dei migranti.

Grande novità di questa stagione per Francesco Acquaroli è l’importante ruolo nella quarta stagione della serie televisiva americana Fargo, con Chris Rock, composta da 11 episodi, trasmessa in prima visione assoluta negli Stati Uniti dal canale FX dal 27 settembre 2020. In Italia, la stagione andrà in onda sul canale satellitare Sky Atlantic dal 16 novembre 2020. Francesco interpreta un ruolo fondamentale, quello di Ebal Violante, il consigliere della famiglia mafiosa italiana in lotta con quella afroamericana. Il ruolo è quello di una sorta di giocatore di scacchi, tutto mente: l’uomo giusto, nel posto giusto, al momento giusto. In Fargo gli sceneggiatori prendono sempre spunto da un fatto vero, in questo caso l’emigrazione degli italiani e dei neri dal sud verso il nord, a Kansas City negli anni ’50, dove insieme alle persone per bene c’erano i mafiosi. Nella quarta stagione di Fargo vedremo la lotta tra queste due mafie.

Il “Samurai” ed “Ebal Violante”, due ruoli importanti da “cattivo”. Durante la conferenza stampa di Suburra – la serie, Francesco Acquaroli ha dichiarato: “Il fascino del male ha sempre esercitato un certo gradimento sul pubblico. Pensiamo al Riccardo III di Shakespeare che rappresenta il male assoluto. Forse un fondo di cattiveria lo abbiamo tutti e vederla esercitare al cinema o in tv porta alla catarsi da parte di chi guarda”. Circa la conclusione della serie Suburra, Francesco ha affermato: “C’è un senso di compiutezza, abbiamo fatto qualcosa di cui essere molto fieri. Sono molto contento di questa esperienza e sono stati tre anni bellissimi; c’è la tristezza che tutto questo finisca, ma c’è anche la soddisfazione di aver creato tutti insieme un ottimo prodotto”.

Inoltre in questi giorni Acquaroli sta girando la serie tv Alfredino una storia italiana: Una serie TV tratta dalla tragica storia di Alfredo Rampi, bambino caduto in un pozzo artesiano di Vermicino, nel Lazio, nel giugno del 1981. La sua vicenda ebbe una copertura mediatica mai vista prima per un fatto di cronaca: le ultime 18 ore delle operazioni furono seguite in una diretta televisiva in onda sulla Rai. Qui Francesco Acquaroli interpreta il ruolo chiave del capo dei Vigili del Fuoco, impegnato nel salvataggio di Alfredino.

In fine, ma non ultimo, è in uscita il film Il giorno e la notte di Daniele Vicari. La vicenda narra storie di coppie che corrono parallele, unificate da una situazione: improvvisamente il telegiornale dà la notizia che è in corso un misterioso attentato chimico nella città di Roma. Tutti sono obbligati a serrarsi in casa. Nessuno può più uscire. L’ opera è concepita come un film domestico e basata sulle regole dello smart working, si fonda sull’isolamento e sulla paura. Francesco Acquaroli tra i protagonisti del film interpreta una delle coppie raccontate nella vicenda, insieme all’attrice Barbara Esposito, sua moglie anche nella vita.

BIO FRANCESCO ACQUAROLI

Francesco Acquaroli è un attore teatrale, televisivo e cinematografico

In teatro ha lavorato con Luca Ronconi, Elio De Capitani, Mario Missiroli, Giuseppe Patroni Griffi e molti altri.

In cinema debutta in Diaz, non pulite quel sangue di Daniele Vicari, e con il quale farà anche Sole, cuore, amore,  Arance & martello di Diego Bianchi,  Pasolini di Abel Ferrara, Era d’estate di Fiorella Infascelli, Mia madre di Nanni Moretti, Smetto quando voglio I II e III di Sydney Sibilia, Gli ultimi saranno ultimi di M. Bruno, Dogman di Matteo Garrone, I migliori anni di Gabriele Muccino, Il mio nome è Mohammed di Pascaljevich, Adults in the room di Costa Gavras. È il protagonista del corto d’autore con la regia di Paolo Sorrentino.

Vince il premio come migliore attore non protagonista in Sole, cuore, amore di Daniele Vicari al Festival di Bari.

In televisione partecipa a diverse serie tra cui Romanzo criminale – la serie, Rocco Schiavone, Solo, Distretto di polizia, Avvocato Porta, Squadra antimafia 7.

Interpreta Samurai nelle serie Netflix, Suburra, la serie (I, II e III stagione). Interpreterà il ruolo di Ebal Violante nella serie americana Fargo.

Le notizie del sito VivailTeatro.it sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «VivailTeatro.it» e l’indirizzo «www.vivailteatro.it»


Fonte Viva il Teatro




Vuoi pubblicare anche tu i tuoi comunicati su Agenziastampa.net: invia il tuo comunicato è gratuito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui