NICOLA GALLERANI “La mia estate a Bologna” il nuovo singolo in radio dal 28 agosto 2020

Esce a sorpresa “La mia estate a Bologna”, il nuovo singolo del cantautore bolognese Nicola Gallerani, un brano disincantato che racconta con ironia lo status di chi rimane in città a lavorare lasciando la famiglia al mare una volta terminate le scuole. E’ in questo periodo, normalmente il mese di luglio, che i padri iniziano le loro “vere vacanze” in totale libertà…. partita fino a tardi, musica, nessun orario prestabilito, nessun impegno formale, il tutto in una città con meno traffico e meno gente… praticamente il massimo!! Le sonorità e la struttura del pezzo richiamano volutamente il disincanto del periodo estivo ed invitano l’ascoltatore a farsi trasportare dalla spensieratezza e dalla orecchiabilità della melodia.
breve bio

Nicola Gallerani nasce a Bologna il 12 gennaio 1974 da padre romagnolo e mamma napoletana. Fin da bambino è forte in lui la passione per la musica che negli anni lo hanno portato ad esibirsi in vari locali bolognesi nonché ad eventi privati. I propri impegni familiari e professionali non gli hanno impedito di partecipare a diverse manifestazioni canore vincendo nel 2008 il Festival di Monghidoro. Appassionatissimo di cantautorato italiano in generale e della cd “scuola bolognese” in particolare, ha scritto e interpretato numerosi brani inediti, dai più disincantati ai più impegnati cercando di divertire e sorprendere il proprio pubblico con un approccio alla realtà il più possibile originale e a tratti divertente. Per Nicola la musica è essenzialmente libertà così come è libera la fantasia e il pensiero. Nessun confine, nessun pregiudizio, nessun limite se non quello del buon gusto e della banalità. Oggi è pronto per proporre la propria musica ad un pubblico più vasto rivolgendosi in primis alla generazione degli anni 70’ e 80’, di cui affronta le tematiche del loro vissuto quotidiano. L’amore per Bologna lo porta poi a riscoprire le atmosfere in parte perdute di una città che è riuscita comunque a mantenere intatto il suo fascino e la sua poesia.